Giro di Rabbi

Salita alle malghe della Val di Rabbi, 36 Km per un dislivello in salita di 1640 m con pendenza media del 13% prevalentemente sterrato. Quota max 2062 m. Discesa tecnicamente impegnativa, in gran parte su single track.



Da San Bernardo 1088 m si costeggia il Torrente Rabbies su sentiero ciclabile, poi si seguono i segnali MTB702 verso Malga Polinar, che si può raggiungere con una breve variante al percorso. La strada forestale è ripida ma con fondo sempre ben pedalabile sopratutto dopo i 1500 m di quota dove diventa quasi una strada bianca. Un breve collegamento in discesa su ripido single track tecnicamente impegnativo mette fine alla prima salita e permette di collegarsi alla strada per Malga Stableti in loc. Fontanom 1600 m. Si può salire seguendo il MTB702 verso Passo Cercen e Malga Vilar ma il collegamento per Malga monte Sole prevede un tratto a spinta di 20 minuti perciò la traccia segue la più comoda strada sterrata di servizio alla Malga, che si raggiunge dopo circa 4 km e 480 m di dislivello. Oltre alla Malga Monte Sole ottimo punto di ristoro merita una visita anche Malga Fassa 2057 m. Si inizia a scendere ritornando indietro per 1,5 km, poi su divertente single track inizialmente facile e quasi pianeggiante, poi più tecnico e ripido ma che salvo uno scalino tra le rocce, non presenta grosse difficoltà. Raggiunta Malga Fratte Bassa 1482 si scende su sentiero seguendo i segnali per il ponte sospeso, il sentiero è tecnico e divertente, attenzione agli escursionisti.
Il ponte è visitabile attraverso una deviazione in salita di 200 m. Continuando la discesa il sentiero si ricollega alla comoda strada sterrata che scende a valle.
Si ricomincia a salire e passando per l'antica segheria veneziana si raggiunge loc. Fontanino 1380 m.
La salita si fa più ripida e sale fino a Malga Stablasolo 1515 m oppure al sentiero per le Cascate di Saent 1585 m (visitabili da vicino solo con un breve tratto a piedi).
Si ritorna a Fontanino con un divertente sentiero che corre parallelo alla strada della salita.
Il ritorno al punto di partenza prevede ancora qualche salita (150 m di dislivello) e alterna tratti di strada asfaltata ad altri su comodo sterrato.

Giro del Sassolungo

Dalla Val di Fassa all'Alpe di Siusi con ritorno scendendo per la magnifica Val Duron, 43 Km per un dislivello in salita di 1540 m, quota max 2246 m. Salita prevalentemente su sterrato, con pendenze a tratti molto impegnative, 10 m di scalini con bici in spalla. Discesa su sterrato, in alcuni tratti ghiaioso e ripido, non difficile.



Da Campitello di Fassa 1408 m si sale a Canazei 1450 m con comodo percorso ciclabile sterrato. Si percorre poi la SS48 per il Passo Sella per 4 km, è trafficata ma un buon riscaldamento per la salita successiva su sterrato per il Rifugio Valentini al Passo Sella, sul tracciato del Sellaronda, che nel primo tratto presenta pendenze molto impegnative.
Si scende poi al Rifugio Comici 2153 m per continuare poi verso la partenza degli impianti sciistici del Monte Pana 1632, sfruttando in parte le piste da sci.
Si passa per il Rifugio Zallinger 2054 m, tutto su sterrato, l'ultima parte ripida e sconnessa mette a dura prova.
Con il segnavia n.7 su sentiero, ci si collega alla strada sterrata soprastante, inizialmente c'è una piccola scalinata da affrontare con bici in spalla, poi resta ciclabile quasi totalmente.
Il terreno ghiaioso rende tecnica l'ultima salita su mulattiera rimanendo comunque pedalabile.
La discesa in Val Duron, su mulattiera non presenta difficoltà tecniche rilevanti ma il fondo di rocce smosse richiede attenzione. Lungo la discesa si incontrano vari punti di ristoro, la valle è ampia e panoramica.

Variante: Dal Passo Duron 2188 m si può aggiungere la salita al Rifugio Sassopiatto 2300 m, tenendo conto che sono 4 km su sentiero saliscendi, bello ma purtroppo poco pedalabile.

Giro del Sella

Lungo il percorso del Sellaronda per Mountainbike attraverso le Province di Bolzano, Belluno e Trento. 55 Km per un dislivello di 2680 m, quota max 2294 m. 28 km di salita prevalentemente sterrato con pendenze molto impegnative, frequenti strappi al limite della pedalabilità fattibili interamente solo con ottima preparazione atletica. La discesa percorre vari divertenti single track oppure strada sterrata, breve tratto tecnicamente molto impegnativo.



Seguendo in gran parte il percorso del Sudtirol Sellaronda Hero 60 Km. Si parte da Selva di Val Gardena 1524 m, la prima salita a Dantercepies 2294 m è su strada sterrata ghiaiosa, a tratti molto ripida, segue una divertente discesa in parte su single track e passando da Passo Gardena si raggiunge Corvara.
Sempre su sterrato con pendenze a tratti molto impegnative si sale al secondo valico del giro, Pralongià 2138 m.
Bella anche la seconda discesa che passando per Passo Incisa 1938 m scende sulla SP244 per Campolongo, il terzo Passo a quota 1875 m che si raggiunge poi, seguendo la strada.
La discesa ad Arabba 1590 m è su divertente single track un po sassoso di media difficoltà.
Si sale su sterrato anche gran parte del Passo Pordoi, solo il tratto prima del collegamento alla strada risulta molto impegnativo, si sale diretti su prato con pendenze esagerate!
Ancora una lunga e divertente discesa su single track per collegarsi alla strada sterrata per il Passo Sella, nell'ultimo tratto molto impegnativo.
Si riprende a salire con pendenze a tratti proibitive nella prima parte, il panorama nell'ultima parte ripaga della gran fatica.
Dal Passo Sella 2204 m saliscendi fino al Rifugio Comici 2150. Si inizia l'ultima discesa sfruttando per brevi tratti le piste e successivamente strade sterrate comode, nell'ultimo tratto, dove inizia la strada, si prosegue a destra su sentiero fino al punto di partenza.


Lago di Calaita

Giro del Primiero di 61 Km per un dislivello di 1680 m, quota max 1663 m. Salita 28 km, prevalentemente su sterrato e single track, qualche breve passaggio su sentiero a spinta. Discesa 26 km con alcuni tratti di single track impegnativo, mulattiera sconnessa, sterrato e circa 9 km su strada.



Da Mezzano 634 m si sale con la ciclabile che costeggia il Torrente Canali fino a Fiera di Primiero 710 m, poi inizia la salita che costeggia la valle tornando verso Mezzano, con tratti di sterrato e single track e con pendenze discontinue. Si gira il costone passando sopra Gobbera e poco prima che finisca la strada forestale si scende ripidi seguendo tracce di sentiero nel sottobosco inizialmente ben visibili ma poi un po a percorso "libero" si raggiunge senza difficoltà la baita che è subito ben visibile e da lì la strada.
Al Lago di Calaita, senza le varianti a spinta **%%*, si sale comodi su strada. Si ritorna su mulattiera sconnessa in salita fino alla forcella Calaita 1663 m, inizia poi la discesa su single track che presenta pendenze a tratti impegnative con sassi e radici che richiedono buona tecnica, attenzione anche agli escursionisti. Con saliscendi su sterrato e un breve tratto di facile downhill si prosegue verso San Martino di Castrozza 1470 m.
Si ricomincia a salire su sterrato e con marcati saliscendi su sentiero e qualche piccolo canale da superare a piedi dopo 12 km circa si raggiunge la strada e prevalentemente in discesa si raggiunge la Val Canali.
In questo giro il percorso torna veloce al punto di partenza in gran parte su strada, meteo permettendo si può salire da qui al Passo Cereda sfruttando il percorso 2268 di dolomitilagoraibike.it